Uncategorized

Vento, 2 anni di investimenti

Con un impegno incrollabile verso l’innovazione e l’entusiasmo di supportare l’ecosistema imprenditoriale italiano, Vento, il programma di venture building di Exor Ventures, celebra con orgoglio il suo secondo anniversario. Conquistando un ruolo centrale nell’ambito delle startup italiane, Vento ha dimostrato di essere un catalizzatore fondamentale per il futuro del panorama imprenditoriale del Paese.

Fin dalla sua fondazione, Vento ha adottato un approccio ambizioso nel sostenere l’innovazione emergente, offrendo un ticket di investimento di 150.000 euro alle startup in fase iniziale, con l’unico requisito che almeno uno dei fondatori sia italiano. Questo criterio non solo promuove l’ecosistema imprenditoriale locale, ma sottolinea anche l’importanza di coltivare talenti italiani nel settore dell’innovazione e della tecnologia. In soli cinque giorni dall’annuncio, l’azienda ha comunicato risultati straordinari: più di 2.400 domande esaminate, con investimenti effettuati in 60 aziende. Attualmente alla terza edizione, il programma ha ricevuto oltre 1.500 candidature e selezionato 110 talenti promettenti. Di questi, sono state lanciate ben 20 startup, con investimenti effettuati in 10 di esse.

Tali risultati non sarebbero stati possibili senza il sostegno prezioso della Fondazione Compagnia di San Paolo e dell’Ogr Torino, che hanno contribuito in modo significativo al successo e alla crescita di Vento. Inoltre, il programma si prepara ora per il suo prossimo comitato di investimento, che sarà responsabile di decidere su potenziali investimenti pre-seed di 80.000 euro nella nuova coorte di 40 talenti. Il successo di Vento testimonia non solo la forza e la vitalità delle startup italiane, ma anche il potenziale illimitato che l’innovazione e l’imprenditorialità offrono al Paese. Guardando al futuro, Vento si impegna a continuare a sostenere e alimentare l’eccellenza imprenditoriale, aprendo nuove strade per l’innovazione e la crescita economica in Italia e oltre.
Così ne parla Diyala D’Aveni, alla guida di Vento: