Datascience e psicologia lavoro, startup Yobs raccoglie 2 milioni

Yobs Technologies, startup che supporta le aziende nella selezione dei candidati con un progetto che permette di raccogliere e analizzare più di 400 parametri e captare dati chiave come espressione facciale, sintassi, segnali comportamentali, ha raccolto 2 milioni di euro, raggiungendo una valutazione di 10 milioni di euro. Tra gli investitori che hanno scelto di puntare sul progetto spiccano figure professionali ed esperti del settore come il celebre psicologo del lavoro Adam Grant, la giovane fondatrice della startup unicorno della Silicon Valley Scale AI Lucy Guo e l’ex Head of Product di Ironclad e Facebook Kat Orekhova.
Fondata nel 2018 dal francese Raphael Danilo e dall’italiano Federico Dubini con sede a Los Angeles, dal 2020 nell’incubatore del Politecnico di TORINO I3P, Yobs ha messo a punto una piattaforma “intelligente” che rivoluziona i processi di talent decision delle aziende per renderli più inclusivi, meritocratici e performanti e che, nell’era dei colloqui a distanza e delle videochiamate, risulta più che mai necessaria. La startup, il cui progetto è stato scelto tra gli altri da Nissan Motors, Nova Talent, ManpowerGroup e Leroy Merlin, ha infatti sviluppato – insieme ai migliori psicologi del lavoro – un Application Programming Interface per analizzare personalità, intelligenza emotiva, capacità di apprendimento e fit dei team. Il software sviluppato da Yobs assiste le aziende per capire chi sia pronto per una promozione, come costruire team complementari, sviluppare e riqualificare i talenti, man mano che le posizioni diventano obsolete per l’evoluzione tecnologica.

Condividi questo articolo