LA BIOTECH STERIFY ARRIVA SU CROWDFUNDME. NEL 2022 NUOVI DISPOSITIVI MEDICI CON MINOR USO DI ANTIBIOTICI.

Il biotech cerca investimenti su  CrowdFundMe -unica piattaforma di Crowdinvesting (Equity Crowdfunding, Real Estate Crowdfunding e Corporate Debt) quotata a Piazza Affari – e lo fa con Sterify, la gamma di dispositivi medici che vuole cambiare, in meglio, le regole della medicina. 

La torinese Sterify è una startup innovativa che sviluppa prodotti medici per la cura e la prevenzione delle infezioni batteriche (soluzioni di lavaggio per protesi pre-impianto, cerotti per ferite e ulcere infette, gel per il trattamento di osteomieliti e per la cura delle parodontiti e perimplantiti), riducendo, o eliminando, l’ utilizzo degli antibiotici nella pratica operatoria che ha creato batteri multi-resistenti che, secondo l’Amr-Review, potrebbero determinare entro il 2050 il decesso di 10 milioni di persone nel mondo. 

Attraverso una piattaforma tecnologica, i cui brevetti sono già stati depositati, l’azienda piemontese mira a produrre e distribuire sul mercato, entro la prima metà del 2022, linee di dispositivi medici per chirurgia generale, oro-maxillo facciale, ortopedia, neurochirurgia e chirurgia estetica, in grado di eliminare i batteri e i loro biofilm, evitando che i microorganismi possano sviluppare resistenze. I prodotti di Sterify hanno i vantaggi di possedere un ampio spettro di azione e un grado di conservazione a temperatura ambiente, non creare resistenze e promuovere la rigenerazione dei tessuti.

La startup – nata nel 2020 (ma operativa dal 2018 per ricerca, sviluppo e validazione dei brevetti) come spin-off di Tiss’ You srl, “Regenerative Company”, specializzata nella ricerca e sviluppo di dispositivi medici per migliorare la naturale capacità di guarigione dei tessuti connettivi – si muove in un mercato globale che si stima toccherà i 35,6 miliardi di dollari nel 2022 (fonte Research&Markets); non a caso diversi grandi operatori internazionali, da Allergan ad AstraZeneca, passando per Roche, Gilead Sciences e Novartis,  hanno investito negli ultimi anni in acquisizioni di aziende del settore biomedicale.

Sterify risponde, inoltre, a un’impellente domanda di mercato, sollevata (ma rimasta per ora inascoltata) dall’Organizzazione mondiale della Sanità, che da una decina di anni chiede agli enti pubblici e alle aziende di investire nella ricerca di nuovi prodotti per la cura e prevenzione di infezioni batteriche. Sempre meno aziende, però, riescono ad individuare molecole o miscele di esse in grado di soddisfare i requisiti delle normative sui farmaci o sui dispositivi medici, rendendo le poche imprese del settore ancora più appetibili per gli investimenti e le possibili future acquisizioni.

I fondi raccolti nella campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe, che si concluderà a febbraio e che punta a un primo obiettivo di 150mila euro, saranno impiegati per la certificazione dei dispositivi (in gran parte), marketing e vendite (la startup vanta una capillare rete di distribuzione in Europa e Medio Oriente, grazie a rapporti commerciali consolidati da parte di Tiss’You srl), ricerca e sviluppo e validazione clinica dei prodotti.

Per saperne di più sulla campagna di equity crowfunding di Sterify su CrowdFundMe: https://www.crowdfundme.it/projects/sterify/

Condividi questo articolo